Dispensa Vegano

Vademecum dell’avocado

Qualche tempo fa un’amica mi ha suggerito di scrivere un articolo sugli avocados:

Come vanno scelti, come riconoscere quelli maturi eccetera…

Trattandosi di un prodotto che mi piace in modo particolare e che mangio molto spesso, l’idea fu subito benvenuta, ecco dunque un piccolo post che spero possa aiutare qualcuno o dare qualche suggerimento a qualcun altro.
Una volta l’avocado si conosceva soltanto in quanto ingrediente del famosissimo guacamole oggigiorno però è molto di più, dai contorni agli smoothies, dalle insalate ai dolci, la cremosa polpa verde è dappertutto, soprattutto dopo aver acquisito il titolo di super Food.

I superfood sono alimenti che hanno un contenuto di nutrienti superiore alla media dei cibi comuni, in particolare sono ricchi di vitamine, minerali, fibre, enzimi, sali minerali, antiossidanti o fitonutrienti. Si tratta soprattutto di frutta, bacche, spezie e semi che contengono principi attivi particolarmente interessanti per la salute e sono quindi considerati ultra-sani. Il loro consumo sembrerebbe allontanare le malattie e i processi di invecchiamento. 

agrodolce.it

IMG_20190108_233531_787_wm.jpg

Lo sapevi che botanicamente parlando, l’avocado non sarebbe un frutto, ne una verdura ma una bacca?
Viene coltivato prevalentemente in America Latina soprattutto in Messico, inoltre lo si trova in Sudafrica, Indonesia e Israele. In questi paesi viene raccolto ancora immaturo e necessita di circa 10 giorni fino alla maturità completa.
Sapendo questo, un buon trucco sarebbe quello di optare per gli avocados che hanno avuto una strada più corta fino agli scaffali del nostro supermercato.

IMG_20190108_233822_192_wm.jpg
Per capire il grado di maturità di un avocado basta schiacciare un pochino: se al tatto il frutto è duro ma cede leggermente alla pressione vuol dire che la sua maturazione è ottimale.
Gli avocados troppo morbidi possono avere delle macchie scure immangiabili all’interno.
Capita però di comprare degli avocados immaturi, e lì non pensare che tutto è perso! in quei casi basta avvolgere il frutto in carta e lasciarlo continuare la sua maturazione a temperatura ambiente.
Se vogliamo accelerare il processo di maturazione, basta aggiungerci una mela.
Considera però che una volta tagliato la maturazione dell’avocado viene interrotta.

IMG_20190108_234032_038_wm.jpg

Nel caso dovesse avanzarti la metà di un avocado maturo, ricordati di non togliere il nocciolo, di avvolgere il pezzo avanzato in carta alluminio e di tenerlo in frigo per due giorni, al massimo tre.
Ho letto da qualche parte che gli avocados possono anche essere congelati per poco tempo dopo averli cosparsi di succo di limone e messi negli appositi sacchetti, personalmente però non ho ancora provato a farlo.

avocado blur close up focus

Aggiungerei che i valori nutrizionali contenuti  negli avocado  sono sensibili al calore e dunque sarebbe meglio consumarli crudi.

Veniamo alle varietà: infatti esistono più di 400 tipi di avocado nel mondo, in Europa però è più facile trovare due tipi che sono Hass e Fuerte, entrambi sono molto molto buoni e hanno un aroma che li rende combinabili con vari ingredienti.

Hass ha una forma ovale è un guscio che va dal violetto al nero è più maturo è più scura ne diventa la buccia.
La varietà Fuerte la riconosci alla buccia liscia lucida verde è la forma che ricorda quella di una pera. Questa varietà ha una polpa più dolce ma più dura.

flat lay photograph of bread tomatoes and avocados

L’avocado contiene fino a 30 grammi di grasso su 100 grammi di frutto, non suona proprio come un alimento salutare vero? bisogna però  capire che il grasso nell’avocado fa parte dei grassi monoinsaturi, utilissimi al nostro corpo che non è capace di creare la maggior parte di loro ma può assorbirli dal cibo. Inoltre l’avocado è ricco di vari minerali che animano il nostro metabolismo: omega 3 e acidi grassi proteggono il nostro sistema circolatorio, il nostro cuore e evitano il diabete, vitamine come la vitamina B e K e C possono abbassare i livelli di colesterolo, il magnesio mantiene i nostri muscoli , il calcio abbassa il livello di sodio nel corpo, in più il questo frutto contiene anche ferro.IMG_20190108_233312_478_wm.jpg

Perciò la prossima volta che fai la spesa, pensa ad aggiungere un avocado al tuo carrello!

Advertisements

11 comments

    1. verissimo, l’anno scorso ci abbiamo provato, è venuta su una bellissima pianta di circa 40 cm ma poi non ha retto ed è morta … 🙁

  1. Articolo super utile! Adoro l’avocado tuttavia, ho sempre fatto fatica a capire lo stato di maturazione, lasciandolo spesso andare a male. Seguiró i tuoi consigli!

  2. Da quando abito in Australia ho scoperto che qui i giovani che non rinunciano mai all’avocado (in Queensland ne sfornano a tonnellate) sono considerati l’equivalente locale dei nostri “choosy” italiani! C’è anche il modo di dire che se oggi i ragazzi non riescono più ad avere una casa di proprietà è per colpa dell’avocado!
    Bel post! 🙂

    1. Ah vedi, so che L’avocado fa tendenza in tutto il mondo da un po’ ma pensavo che da quelle parti costasse meno, in Germania ad esempio costa la metà se non meno di qui in Toscana

  3. Pingback: Pasta al volo

Leave a Reply