Etnico Tunisia

Dolci per la pace…

Gli ultimi giorni del mese di Ramadan sono dedicati alla preparazione della festa che seguirà al mese santo e che durerà tre giorni…

Per tradizione si preparano diversi tipi di dolci in casa, si tratta di dolci tradizionali… di quelli tipici nostri, piccoli e elaborati… tramandati dalle nonne delle nonne… pinoli, mandorle, pistacchi e nocciole… farine di vari tipi dal grano al sorgo ai ceci… e aromi naturali che vanno dall’acqua di rose a quella del fior d’arancio o fior di geranio…

350e Non si fa una dozzina o due di dolcetti, ma teglioni enormi che poi si portano a fare cuocere al forno del quartiere… si tratta di forni che non fanno altro… visto che da noi quando si fanno i dolci o a volte anche gli arrosti, si fanno in proporzioni che non sono adatte al forno casalingo…

baklawa-4

Le strade si riempiono di ragazzi che dopo la cena attraversano le strade con queste mega teglie sulla testa… la mamma prima si raccomanda di pregare il fornaio di trattare bene i suoi dolci e sopratutto di non tirarli fuori ne troppo presto ne troppo tardi…

IMG_20170715_190314_955.jpg

Arrivate al forno, le teglie vengono numerate in modo che ognuno sa qual è la propria teglia quando viene a riprenderla.

IMG_20170715_190511_890.jpg

La tradizione vuole che questa festa sia sotto il segno della pace: si rinforzano rapporti esistenti, si chiariscono litigi o malintesi e questo si fa scambiandosi questi dolci… io ti vengo a trovare per farti gli auguri portandoti i dolci, e tu mi ringrazi regalandomi i tuoi dolci… si manda un piatto ai vicini, se ne porta ai colleghi e cosi via…

gateaux traditionnels

Per non interrompere una bella tradizione, ti chiedo scusa se ti ho mai offeso o mancato di rispetto e ti regalo un dolce virtuale…  pace sia, Salam!

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

%d bloggers like this: